Saturnia affonda le sue radici nei millenni, prima villaggio villanoviano, poi fiorente città’ etrusca con il nome “Aurinia”.

A testimonianza della sua grandezza, e’ ancora visibile la “Necropoli del Puntone” e di “Pian di Palma”, di oltre 200 ettari. In questi luoghi, secondo una leggenda, avrebbe trovato rifugio il dio Saturno, scacciato dall’Olimpoper i suoi misfatti.

La città, protetta dal dio delle messi e della prosperità, aveva il pregio di offrire le acque sulfuree per le “Thermae” tanto apprezzate dai Romani.

Ancora oggi le  Terme di Saturnia sono ricercate per le acque  che sgorgano da millenni all’interno di un cratere naturale ad una temperatura costante di37 ° C.

Non meno celebri   sono le “Cascate del Mulino”, dove le calde acque termali si gettano in una suggestiva cascata naturale formando delle vasche  dove e’ possibile fare il bagno liberamente.

Borghi ricchissimi di storia come Pitigliano, Sorano e Sovana sono raggiungibili  in 30 minuti di macchina.

Mentre a circa un’ora di automobile e’ possibile andare  sul Monte Amiata o all’Argentario per  visitare Orbetello, Porto Ercole e Porto Santo Stefano, dove ci sono anche le partenze dei traghetti per l’Isola del Giglio.